MRxKNOWLEDGE

Riflessioni e ricerche sulla cultura digitale e altro a cura di Mario Rotta


Learning (3): una riflessione sulle contraddizioni del Web 2.0

Reading time: < 1 minute Condivido volentieri una versione del contributo esteso che ho preparato per il seminario di Dobbiaco. Si parla di come i modelli di e-learning si stanno evolvendo verso ipotesi più flessibili, tenendo conto sia delle contraddizioni del Web 2.0 sia dei nuovi scenari in cui interagiscono gli "abitanti digitali". Un contributo per Dobbiaco [Testo, PDF, IT]
Condizioni di utilizzo: Creative Commons 2.5, attribuzione, non commerciale, non opere derivate (informazioni dettagliate).

Una versione ampliata di questo testo è pubblicata in:
Rotta M. (2009), Learning3: gli scenari dell’innovazione nelle strategie per la costruzione della cittadinanza digitale e della conoscenza in rete. In “Cittadinanza Digitale”, a cura di Luisanna Fiorini, “Quaderni di Documentazione dell’Istituto Pedagogico di Bolzano”, 22, 2009.

Reti di vetro

Reading time: 2 – 4 minutes

Si è tenuto nei giorni scorsi a Dobbiaco (10-13 luglio 2008) un seminario sulla “cittadinanza digitale”. Non è necessario che racconti com’è andata, sono più che sufficienti le testimonianze raccolte in tempo reale nel wiki dell’evento, curato da Luisanna Fiorini (segnalo in particolare anche una mappa mentale di ciò che è stato detto e fatto e degli argomenti che sono stati toccati), oltre che nelle pagine dei tanti bloggers presenti, come Giorgio Jannis, Maddalena Mapelli (che ha annotato quasi tutti gli interventi anche nel blog di Ibrid@menti), Gianni Marconato. Sono già online anche delle belle raccolte di immagini sul luogo e sull’evento, e probabilmente anche molte altre opinioni, impressioni, resoconti, commenti, fotografie di cui al momento non sono a conoscenza, ma farò il possibile. Che cosa posso aggiungere? Vorrei solo accennare brevemente a una sensazione che ho provato durante queste giornate, mentre fuori dalle finestre della splendida struttura che ci ospitava le nubi di un temporale improvviso proiettavano sulla terra luci modificate, e nelle stanze si parlava di web 2.0 e oltre. In quel momento mi sono guardato intorno, e ho constatato che anche in Italia si può parlare di innovazione, e si può fare innovazione (anche ad alto livello), ma a crederci davvero siamo in pochi, e sempre gli stessi o quasi, da sempre, come se gli anni non passassero, come se il mondo, nel frattempo, non cambiasse alla velocità dei lampi e con la stessa intensità dei venti. Sarà per via dell’ambientazione, ma mi sono ricordato del “gioco delle perle di vetro” di Hesse: i saggi sono rinchiusi in uno spazio dove possono dialogare e creare, ma senza interagire troppo con il resto del mondo, impegnato in “negozi” più ordinari; il fatto è che non si sa bene se sono i saggi a scegliere l’isolamento che permette loro di essere ciò che sono, o se è il resto del mondo che cerca di metterli in condizione di non nuocere. Forse sono vere entrambe le ipotesi. Sono solo visioni, pagine lette da ragazzo che riaffiorano durante un temporale estivo. Ma ultimamente provo spesso sensazioni come queste: se siamo noi i cittadini digitali – e non c’è motivo di pensare che non sia così -perchè non riusciamo a portare nel mondo, là fuori, quei messaggi semplici e chiari, e per questo eversivi, che riusciamo così bene a scambiarci tra le mura del nostro castello? La partecipazione attiva, il senso della rete, la condivisione della conoscenza, la libertà dell’informazione… perchè siamo sempre in così pochi a parlarne? Perchè non riusciamo a farci ascoltare? Siamo reti di vetro: trasparenti e fragili.

Appunti e riflessioni in forma di slides [PDF, IT]

last comments
ibridamenti
ibridamenti

che bel post Mario! mi viene voglia di copiarlo e incollarlo sui Ibridamenti :-) Posso? Sono open source i tuoi testi? (Maddalena)
admin
admin

Certo che puoi :) Intanto io ne ho riproposto una versione su KNOL, anche per provare questo nuovo "google gadget": …
Willliam Nessuno
Willliam Nessuno

Sono pienamente d'accordo sull'idea che il mondo ci lasci baloccare con le nostre idee sulla rete, grande fin che si …
Willliam Nessuno
Willliam Nessuno

"i Blog e la visone fideistica della Rete" http://www.lulu.com/content/2755110
annarita
annarita

Ciao, tutor. Come va? Sonno approdata per caso su questo blog e ho letto il post. Riflessioni interessanti circa il …