MRxKNOWLEDGE

Riflessioni e ricerche sulla cultura digitale e altro a cura di Mario Rotta


Due o tre cose che so di Facebook

Reading time: 5 – 8 minutes

Queste parole non sono certo un saggio breve, e nemmeno la colonna di un’opinionista. Sono soltanto alcune riflessioni (e neppure a caldo…) su quel “fenomeno” multi-mediatico che va sotto il nome neanche troppo originale di Facebook. Sono appunti scritti di getto tempo fa e poi dimenticati dentro l’icona di una cartella, fino a quando, questa mattina, mi è capitato di leggere su Repubblica un lungo articolo di Vittorio Zucconi sulle “guerre del social network”. Quello di Zucconi non è uno dei tanti, troppi articoli che evidenziano i rischi e i pericoli delle reti sociali, e neppure uno studio sulla fenomenologia della rete: è un mix di informazioni dettagliate su alcuni elementi essenziali del problema (sempre che di problema si tratti) e riflessioni più superficiali sull’inevitabile deriva della natura umana verso il narcisismo o la sopraffazione; per questo l’ho trovato interessante; per questo mi ha lasciato perplesso. Tanto da spingermi a recuperare questi appunti per provare brevemente a spiegare due o tre cose che so di Facebook, senza pregiudizi.

Come sottolinea più volte lo stesso Zucconi Facebook è prima di tutto un’operazione commerciale. Aggiungerei che in quanto tale è solo una delle tante operazioni commerciali che quotidianamente prendono forma in rete e più in generale sul mercato delle nuove tecnologie. Zuckerberg e Jobs sembrano molto diversi, ma hanno in comune un obiettivo semplice, chiaro ad entrambi: fare più soldi possibile. Vendendo ciò che hanno costruito, ovvero giocattoli accattivanti che il 3 per cento degli utenti o degli acquirenti userà intelligentemente (smontandoli e rimontandoli, proprio come i giocattoli), mentre il restante 97 per cento li subirà in modo sciocco e passivo, giocandoci un po’ fino a romperli, diventandone dipendente, autogiustificandosi o autoconformandosi, abbandonandoli col tempo.

Tutto questo mi interessa relativamente, o meglio, mi interessa in quanto parte in causa, soggetto attivo che rientra in quel 3 per cento di utenti consapevoli che potrebbero perfino insegnare agli altri non dico qualche trucco per sopravvivere ma almeno qualche esempio o qualche buona pratica. Ma non è questo il punto. Il fatto è che se lo scenario è quello che ho appena provato a descrivere, ne consegue che il problema non sono i prodotti o le applicazioni in sé. Il problema è altrove, e possiamo facilmente localizzarlo: è, in uguale misura, nel modello di business (chiamiamolo così) che si basa sulla moltiplicazione degli spazi promozionali nei contesti a più alta visibilità e dove è possibile raccogliere il maggior numero di “dati sensibili” (al solo scopo di vendere pubblicità e aumentare il valore dei pacchetti azionari) e nell’assenza di politiche educative capaci di “accompagnare” gli utenti lungo un percorso di crescita e di sviluppo che possa aiutarli a fare un uso più consapevole delle tecnologie a loro disposizione.

In sostanza, il problema non è Facebook e non è neanche “dentro” Facebook (così come in qualunque altra applicazione): il vero problema è che manca completamente una visione politica in grado non dico di contrastare ma quanto meno limitare l’invadenza di un modello economico vincente, uniformante e pervasivo, che sta palesemente tentando di allungare le sue mani sulla rete, così come su qualsiasi altro spazio disponibile. Diciamo la verità: i tanti discorsi sulla privacy violata, le prese di posizione dei governi “contro” i presunti abusi che si commettono su Facebook o grazie a Facebook o addirittura in nome e per conto di Facebook, le cause combattute, quelle vinte o quelle perse, non sono altro che l’ammissione indiretta del fallimento di ciò che auspicavano i visionari che hanno immaginato il Web. Speravano e speravamo che fosse lo strumento di un salto evolutivo, l’orizzonte degli eventi attraverso cui avrebbe preso forma una nuova intelligenza. E invece somiglia sempre più a una sorta di TV personalizzata, gestita da chi cerca soltanto di plasmare consumatori e quasi del tutto ignorata (salvo cavalcarne certi aspetti) da chi dovrebbe aiutare i cittadini a essere coscienti delle opportunità che potrebbero aprirsi.

Ma paradossalmente, in questo gioco di colpevolezze convergenti, è proprio Facebook (così come qualsiasi altro social network) l’unica arma che abbiamo. Fino a prova contraria, in una rete sociale “intermediata” si possono applicare senza troppa fatica alcuni principi essenziali di cittadinanza digitale attiva e consapevole: ad esempio circoscrivere le proprie relazioni/amicizie in base a esigenze o aspettative personali o allargarle se si desidera più visibilità; oppure limitare le proprie azioni alla condivisione di risorse e informazioni che riteniamo utili, applicando magari il principio della rarità (è inutile ri-condividere un’informazione che altri mille hanno già condiviso); o ancora, riflettere e valutare secondo coscienza prima di accettare amicizie, sottoscrivere cause, aderire a gruppi o dichiarare di partecipare a eventi. Tutto sommato, nulla di così diverso da ciò che facciamo nella vita di tutti i giorni e nel cosiddetto mondo reale.

La differenza consiste nel fatto che in rete tutto tende a essere amplificato: ci affascina e allo stesso tempo ci spaventa che 500 milioni di persone siano “su” Facebook, dimenticando che non è vero (in un qualsiasi social network gli utenti “contemporanei” sono meno del 5 per cento degli utenti potenziali e registrati) e che altrettante persone, anzi di più, in questo stesso momento sono impegnate in altre attività definibili come “sociali”, e la cosa non ci preoccupa minimamente. O ancora, ci si indigna se degli idioti fondano un gruppo con intenti riprovevoli, fino a fondare altri gruppi per chiederne la cancellazione, ignorando che non si elimina la stupidità nascondendola o rendendola meno visibile, ma imparando a riconoscerla, e ben venga un modo (tutto sommato relativamente innocuo) per farla uscire allo scoperto. Infine, non mi dispiacerebbe che si ragionasse senza equivoci sulla relazione tra il concetto di privacy e il concetto di “trasparenza”, che sono molto più correlati di ciò che può sembrare a prima vista: personalmente, ritengo che in una rete sociale (sottolineando sociale) la trasparenza debba prevalere sulla privacy, ovvero sia la trasparenza a definire lo spazio al di fuori del quale si colloca la privacy. Ragionare sul rispetto, la protezione e la sicurezza dei cosiddetti dati personali (escludendo ovviamente quelli che potrebbero essere usati per scopi criminali o fraudolenti) non solo è pretestuoso, è inutile: certo, è un discorso che meriterebbe di essere approfondito e affrontato con ben altro respiro, ma provocatoriamente mi limito a dire che in un social network, paradossalmente, è proprio la nostra trasparenza a proteggerci, perché siamo noi che abbiamo deciso cosa rivelare di noi stessi, delimitando ciò che desideriamo resti privato attraverso la visibilità di ciò che abbiamo scelto di rendere pubblico.

Ecco, queste sono due o tre cose che so di Facebook, e di altre reti sociali. Ce ne sarebbero molte altre, evidentemente. Ma non voglio neanche lontanamente pretendere di essere esaustivo, ho cercato soltanto di introdurre qualche elemento (spero non scontato) nella discussione in corso. Per una ragione molto semplice: perché penso che Facebook non sia né un bene né un male, né il problema né la soluzione, né la causa né l’effetto. Credo soltanto che come per altre tecnologie o ambienti di comunicazione se ne possa fare un uso positivo, se vogliamo. Vorrei dire intelligente, ma temo che sia un programma troppo ambizioso.

last comments
FRANCESCA
FRANCESCA

CONDIVIDO DA docente A docente ...Bye, PROF. Francesca Perricone "penso che Facebook non sia né un bene né un male, né …
catepol
catepol

la nostra privacy su SN come nella vita siamo noi. Grazie per le riflessioni del post.

Leggere eBook: un workshop a Firenze

Reading time: 2 – 2 minutes

Dal sito della Biblioteca delle Oblate di Firenze.
Che cosa sono gli eBook? Quali sono le tendenze e le evoluzioni della società della conoscenza? Per saperne di più la Biblioteca delle Oblate di Firenze e la casa editrice Garamond, in collaborazione con il gruppo Web Semantico hanno organizzato un “laboratorio interattivo” che si terrà a Firenze il 26 Maggio 2010 alle ore 16.00 nella Sala Conferenze del piano terra della Biblioteca. Durante il laboratorio sarà presentato il libro/eBook di Mario Rotta, Michela Bini e Paola Zamperlin Insegnare e apprendere con gli eBook. Dall’evoluzione della tecnologia del libro ai nuovi scenari educativi” (Garamond, 2010). Gli autori, insieme a tutor e ricercatori, aiuteranno i partecipanti ad esplorare questo nuovo approccio alla lettura, allo studio e alla ricerca, attraverso supporti che si collocano tra il quaderno, il libro e il computer. Nella mattinata dello stesso giorno sarà anche avviata una sperimentazione con una classe di ragazzi di una scuola media superiore. L’evento sarà documentato anche attraverso questo blog.

Per saperne di più ecco per il momento alcuni link utili:
Depliant informativo »
Scheda di approfondimento »

Scheda di partecipazione »

Consigli di lettura »