MRxKNOWLEDGE

Riflessioni e ricerche sulla cultura digitale e altro a cura di Mario Rotta


La percezione del significato degli eBook: qualche dato e alcune prime conclusioni

Reading time: 1 – 2 minutes

Rotta M. (2011), La percezione delle caratteristiche, dei significati e dell’impatto degli eBook: stato dell’arte e alcune riflessioni preliminari. Draft Paper.

Di cosa si parla esattamente quando si parla di eBook? Siamo sicuri che la percezione di questo “fenomeno inarrestabile” (per citare il linguaggio dell’informazione) sia condivisa da tutti coloro che ne parlano? Siamo certi che il problema sia stato correttamente e coerentemente definito nelle sue componenti essenziali, nei suoi aspetti caratterizzanti e nella sue reale complessità? Questo contributo cercherà di dare alcune risposte a questi e altri interrogativi, partendo da alcune serie di dati raccolti attraverso un sondaggio qualitativo condotto su alcuni gruppi-campione. Il contributo è al momento pubblicato in forma di draft paper. Dovrebbe confluire in un contributo di più ampio respiro, di prossima pubblicazione. Chi ha partecipato ai sondaggi i cui dati sono qui elaborati e resi noti può partecipare alla discussione che spero prenda forma attraverso i commenti a questo post.

La percezione del significato degli eBook [Testo, PDF, IT]
Condizioni di utilizzo: Creative Commons 2.5, attribuzione, non commerciale, non opere derivate (informazioni dettagliate).

Un eBook sugli eBook

Reading time: 2 – 3 minutes

Rotta M., Bini M. & Zamperlin P. (2010), Insegnare e apprendere con gli eBook. Dall’evoluzione della tecnologia del libro ai nuovi scenari educativi. Roma, Garamond.
ISBN 978-88-96819-00-5

Copertina eBook

Il libro affronta il problema dell’impatto degli eBook nell’educazione e nella formazione, partendo da un’analisi del fenomeno eBook. Si evidenzia come gli eBook non siano altro che l’evoluzione della tecnologia del libro, si approfondisce il problema delle tipologie di eBook, dei formati specifici e dei dispositivi dedicati per la lettura degli eBook e si discute sugli effetti controversi che gli eBook stanno già avendo sull’atteggiamento dei lettori e degli autori, sul lavoro degli editori e sulle biblioteche. Ci si concentra successivamente su tre delle possibili implicazioni degli eBook in ambito educativo, esplorando il ruolo che essi potrebbero avere contro la riluttanza alla lettura, le sinergie tra dispositivi dedicati e altre tecnologie nel quadro delle ipotesi di lavoro in corso sul cosiddetto mobile o ubiquitous learning e la relazione tra eBook, dispositivi di lettura, ambienti personalizzati di apprendimento e biblioteche digitali. In appendice il volume riporta lo schema di un sondaggio sull’impatto degli eBook, uno scenario didattico integrato e una traccia per costruire iperlibri multimodali. Una ricca bibliografia sui temi trattati completa la pubblicazione.

Il libro è disponibile sul portale di Garamond ed è distribuito con una formula innovativa: si potrà infatti leggere online un’anteprima esaustiva e/o scaricare l’intero testo in due formati, uno impaginato su fogli A4 e uno ottimizzato per essere utilizzato direttamente su dispositivi di lettura dedicati (eReaders). Una ulteriore innovazione è stata introdotta nella strategia di distribuzione dell’eBook completo: il prezzo del libro è infatti liberamente definibile dal lettore, ovvero ciascuno può decidere che valore attribuire all’eBook, e quanto reputa equo pagarlo. La formula non è del tutto nuova in assoluto, essendo stata adottata in casi di distribuzione e vendita di musica, ma nel settore editoriale è un esperimento che ben pochi hanno tentato finora. Di fatto, si sta ridisegnando il rapporto tra autore, editore e lettore, ed è proprio il lettore che diventa finalmente artefice reale del successo della pubblicazione e protagonista attivo, coinvolto, di parte della stessa politica editoriale.

last comments
Carlo Columba
Carlo Columba

Acquistato e scaricato! Non avendo (ancora) un reader vero e proprio, ne sperimentarò la lettura sulla versione A5 sull'iPhone
Mario Rotta
Mario Rotta

@Carlo. Forse per l'iPhone il formato A5 è ancora un po' troppo grande, ma sono curioso di conoscere le tue …
Federica Sola
Federica Sola

Acquistato e scaricato - idem per me! Ora dovrò solo trovare il momento adatto per dedicarmi alla lettura ;-)
Stefano Angelo
Stefano Angelo

Ciao a tutti ... ho provato ad impostare una cifra diversa da un euro ... ma quando mi arriva la …

Gli eBook: secondo giro

Reading time: 4 – 6 minutes

In quel continuum che è la rete un’assenza di un paio di giorni rende difficile cogliere in modo chiaro tutto ciò che è accaduto nel frattempo e recuperare i significati nascosti nel tessuto che ha preso forma. Prima di partire per un paio di seminari (su temi strettamente correlati) ero pienamente immerso nel flusso di diverse discussioni in corso sul tema degli eBook. Ora, tornando, non so come recuperare le posizioni che ho perso: è come se mi fossi fermato ai box per cambiare una ruota e i miei meccanici avessero sbagliato qualcosa, mentre giri e giri di messaggi accumulavano vantaggio. Oggi provo a rientrare nel flusso, anche se è un peccato restare chiuso qui in ufficio: è finalmente una bella giornata, nella mia città ci sono i mercatini dell’antiquariato e sui prati tra Arezzo e Siena i primi papaveri si mettono in posa per gli appassionati di fotografia. Ma tant’è, sono in corsa e in qualche modo devo recuperare terreno. Per fortuna che c’è chi traccia le traiettorie del percorso, come Gianni Marconato, e poi quando mi ci metto leggo abbastanza velocemente. Dunque, guardando le cose con il dovuto (e accumulato) distacco, direi che siamo tutti d’accordo sul fatto che il punto di partenza di questo dibattito è racchiuso in una domanda preliminare: gli eBook, in quanto evoluzione della tecnologia del libro, esprimono un potenziale di innovazione? Si può rispondere di no (è lecito), ma spero che tutti rispondano di sì. Quale delle due posizioni è di destra e quale di sinistra? Sinceramente, non mi interessa. Osservo solo che rispondere ma, forse, però, a condizione che, si potrebbe considerare “di centro”, e in Italia abbiamo già abbastanza Casini!

Una volta accettata l’idea che valga la pena di dedicare agli eBook una certa attenzione, mi sembra chiaro che anche su un secondo punto siamo tutti d’accordo: sarebbe bello se gli eBook fossero iperultrasupermultimegainterattivi e i dispositivi di lettura fossero warphightech, ultraleggeri, fotovoltaici, a miliardi di colori e già che ci siamo griffati Prada, un po’ come si intuisce guardando il filmato suggerito più volte da Francesco Leonetti. La differenza che prende forma a partire da questa ovvia constatazione è tra chi pensa che si debba aspettare il migliore dei mondi possibili (Gino Roncaglia ad esempio è sempre stato chiarissimo e coerente in tal senso) e chi ritiene che si debba fare il possibile per migliorare il mondo che abbiamo. Il distacco accumulato mi permette di suggerire che non si tratta di posizioni inconciliabili, ma di due sfaccettature di un atteggiamento che oscilla tra il pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà. Entrambe di sinistra quindi, a loro modo, se ha ancora un senso questo schema di classificazione…

Per il resto mi sembra che il confronto sia acceso soprattutto sulle “politiche”: ovvero sulle scelte, i presupposti, le strategie commerciali, le modalità di distribuzione. Ci si domanda se la politica commerciale di Garamond non sia troppo aggressiva, ignorando forse che ogni volta che usiamo Google qualcuno ci guadagna, e non siamo noi, e dimenticando che è assolutamente vero quello che dice Agostino Quadrino quando ci ricorda che in Italia la Kultura (con buona pace della minoranza che è capace di “abitare” la rete e sa come difendersi) è saldamente in mano a pochi grandi gruppi finanziari che condizionano pesantemente le adozioni. Ci si chiede se sia giusto o no sperimentare oggi gli eBook a scuola (anzi, a dire il vero la discussione più accesa non è mai andata oltre questo aspetto, come ha ribadito più volte soprattutto Antonio Fini), e io rispondo apertamente di sì, ma spostandomi in prima linea, lavorando direttamente con le scuole, affiancando gli insegnanti che seguiranno il corso “insegnare e apprendere con gli eBook” e progettando corsi per editor di eBook, che per inciso la cecità dei valutatori dei bandi FSE ha ritenuto di non dover finanziare perché non potevamo dimostrare l’aderenza della figura professionale configurata rispetto ai bisogni del territorio! Ci si domanda se sia più corretto far pagare gli eBook o distribuirli a titolo gratuito sotto forma di contenuti aperti (Jannis, Guglielman), e io (come chiunque altro, credo) rispondo che ovviamente un prodotto di qualità gratis è largamente preferibile a un prodotto mediocre a pagamento. Ammesso che si risolvano due questioni niente affatto marginali: come trovare le risorse per produrre e distribuire contenuti aperti di qualità e come valutare la qualità dei contenuti aperti. Ma tutto questo in realtà non è il cuore del problema: è un continuare a girare su una pista un po’ monotona, perdendo di vista il traguardo. Il vero problema è capire come “scrivere” dei buoni eBook, come “leggerli”, usarli, integrarli in una strategia didattica il cui obiettivo è facilitare la disseminazione di conoscenze significative e lo sviluppo di capacità utili, in una parola la crescita dei nostri ragazzi e dei ragazzi di tutte le età. Ed è proprio su questi aspetti che stiamo perdendo terreno. Mentre il resto del mondo corre, e come se corre… e a tutti noi non resta che sperare che vada meglio al secondo giro.

last comments
Gino Roncaglia
Gino Roncaglia

Essendomi occupato molto di Leibniz ho una certa simpatia per le sue tesi in materia di mondi possibili... ma preferirei …
noa
noa

Condivido tutto. :)
admin
admin

Contavo sulla tua puntualizzazione Gino :) Ma non sono le leggi e le circolari a configurare i mondi possibili. Siamo noi. …
Gino Roncaglia
Gino Roncaglia

Eh, caro Mario, sei ottimista se pensi che le leggi servano "ad aprire un processo che in ogni caso saremo …

Gli eBook e il senso del tempo

Reading time: 3 – 5 minutes

Si parla decisamente molto di eBook in questi giorni. Si è cominciato il 17 marzo a Roma, dove si è tenuta una tavola rotonda interamente dedicata agli eBook a scuola. Il colloquio è stato patrocinato da Garamond, che per l’occasione ha presentato un catalogo di libri scolastici elettronici che risponde in pieno (anche se è stato sviluppato in modo del tutto autonomo e in base a una strategia definita da tempo) alle istanze e alle sollecitazioni contenute nella recente circolare 16 del MIUR, che com’è noto spinge e spingerà le scuole italiane ad adottare eBook anzichè i classici volumi cartacei per gli studenti. Alla tavola rotonda ero il chairman, per cui evito di parlarne ancora in dettaglio, tanto più che sull’evento e sugli argomenti trattati dagli ospiti (Granelli, Tombolini, Cicatelli, Cianfriglia, Busetto, Nicolì e Landi, in rappresentanza di istituzioni, associazioni, organizzazioni di categoria e ricerca) è già possibile raccogliere una rassegna stampa in perfetto stile 2.0: da un servizio su Neapolis di RAI 3 alle post-riflessioni di Antonio Tombolini sull’ambiguità del problema. Vorrei tuttavia aggiungere qualcosa a quello che si è detto. Prima di tutto penso che sia il caso di ricordare che ho progettato e cercherò di far partire per E-Form due corsi di aggiornamento e formazione che ritengo molto importanti: uno si intitola “Insegnare e apprendere con gli eBook“e cercherà di dare una risposta a una tipica istanza che anche nel meeting di Roma è emersa da parte dei tanti insegnanti presenti: che cosa ci faccio adesso con gli eBook? Se infatti le potenzialità intrinseche dei libri digitali appaiono evidenti a tutti, risulta meno chiaro alla maggior parte degli insegnanti come sfruttarne pienamente le caratteristiche innovative e come impostare una didattica specificamente fondata sull’uso degli eBook e/o sulla loro integrazione con altre tecnologie. Lavoreremo proprio su questo, cercando di avviare anche una ricerca sulle possibili buone pratiche e sperimentazioni monitorate, come accade in altre realtà (esempio). Il secondo corso in programma per E-Form riguarda invece un nuovo profilo professionale: l’editor di eBook. Ma di questo avevamo già parlato. Che altro dire? Sul fatto che gli eBook rappresentino una vera e propria rivoluzione, paragonabile al passaggio dal rotolo di papiro al codice medievale o all’invenzione della stampa non sembra che ormai sussistano dei dubbi. A Roma hanno preso forma diverse interpretazioni di questo fenomeno, e anche qualche dissonanza sui modi e sui tempi, oltre che sui significati del passaggio epocale in atto. Ma penso di poter affermare che tutti concordassero su un dato di fatto: l’eBook è ormai parte integrante del modo in cui oggi si costruisce, si pubblica e si dissemina la conoscenza. Quanto occorrerà perchè non si faccia più distinzione tra libri ed eBook e con la parola “libri” si intendano sia quelli cartacei che quelli digitali? Il punto è proprio questo, a mio parere: la rivoluzione è ancora in corso, e attraversa in modo obliquo generazioni che associano la conoscenza a mezzi diversi, per abitudine mentale o perchè ciò che hanno imparato a utilizzare è ciò che in un dato momento della loro vita era o appariva il medium privilegiato; ma gli strumenti del sapere cambiano, e anche molto velocemente, e diventa ogni giorno più difficile cogliere il senso del tempo, ovvero identificare in modo univoco attraverso che cosa, oggi, la conoscenza si organizza, si conserva e si trasmette. Per un uomo di un secolo fa la risposta sarebbe stata scontata, ma ormai convivono in una stessa epoca persone abituate ai libri e alle enciclopedie, alla penna, alla macchina da scrivere, alla TV, al cellulare, al computer, al web e, ormai, anche agli eBook, alle lavagne digitali, al web 2, al web 3 e a tutte le sfumature, gli ibridamenti e gli innesti del caso. In questa sorta di universi paralleli la domanda che dobbiamo porci non è se si è pro o contro gli eBook, o se si è favorevoli o contrari all’innovazione: è come convivere con la complessità. Perchè è proprio la complessità il senso del tempo, del nostro tempo, e c’è motivo di pensare che continuerà a essere così.

L’intervista

Reading time: < 1 minute Marco Traferri e Giovanna Piccioni mi hanno intervistato su E-Boom: il pretesto della conversazione è stato un progetto di un corso per editor di e-Books in sorso di progettazione per E-Form. Ne è venuta fuori una riflessioni istintiva sulle professioni del futuro e sul futuro dell’editoria elettronica. Spero davvero che si possa tornare ancora su questi argomenti, magari per parlare di come si sta sviluppando il corso che al momento è solo un progetto. Di e-Books, in ogni caso, si era già parlato su questo stesso blog (vedi “gli e-Books, finalmente“), e si parlerà ancora.